mercoledì 30 marzo 2011

Vento..

Il vento racchiude nella sua invisibilità mille pensieri e sentimenti, che assorbe dalle persone dopo essersi insinuato tra loro. E quando il leggero sospiro o sferzante urlo viene a contatto con la mia pelle mi crea dentro una confusione di sentimenti, turbinii di parole indistinte, astratte. Ma dopo la tempesta, la pace non giunge, appare solo l’ombra di uno sbiadito arcobaleno, un ponte che collega ciò che è stato e ciò che sarà, anche se, una volta attraversato, sparirà per sempre. Nuove consapevolezze e antiche frustrazioni, niente è nitido. Più apri gli occhi e più vorresti chiuderli, eppure ti ostini a guardare, a cercare altri particolari e tradurli in verità. Questa voglia crescente di libertà, di scoprire nuovi sapori e antiche speranze, di lasciarsi andare alla più sfrenata e sana follia, sbarrare ogni accesso al tuo cuore ai tormenti, poter respirare senza che inutili affanni te lo impediscano.
Tutto fa male e niente riesce a farti stare bene, ma non rinunciamo all’idea che la felicità esista, che si può trovare se la si cerca. Qualcuno ha mai pensato che non appartenga a questo mondo? Che gli uomini sono troppo stolti tanto da essere ciechi, eternamente imperfetti? Anche le persone più comprensive e bonarie non fanno altro che chiudersi nel loro mondo perfetto, cercando di lasciare fuori la meschinità che non comprendono, senza cercare di far nulla. Ma come si può biasimarle? In una foresta piena di predatori, una facile preda da sola non potrà mai sopravvivere.. e la coscienza non può sopportare l’indifferenza come neanche l’indignazione, costretta quindi a cercare una via di mezzo che non sempre è l’alba.. 

Alisa

2 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. Ciao, Alisa! Ricambio il premio (sperando che le regole del gioco non lo impediscano). =D
    Baci
    Starlight

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...