sabato 12 maggio 2012

Crazy Phrases #2



Buon pomeriggio, ragazzi! ^^
Eccoci giunti alla fine di questa settimana e, se vi ricordate bene dal primo post che trovate qui, oggi io e Vale del blog Esplosione di pensieri vi regaleremo la seconda puntata della rubrica Crazy Phrases, creata da noi e che, appunto, è l'appuntamento settimanale del sabato ^^

Iniziamo ricordando le cinque regole di questo giochetto, indispensabili! 

1. Per prima cosa prendete tre libri dalla vostra libreria;
2. Apriteli e leggete la prima frase 
che vi capita sott'occhio;
3.Trascrivete quindi le tre frasi, 
indicando il libro di provenienza;
4. Otterrete così una mini storiella, 
forse senza senso ma ugualmente divertente.
5. Se proprio non riuscite a dare un senso 
alla frase che avete ottenuto, 
poteve pescarne altre due da uno dei tre libri di partenza.

Siete curiosi di sapere quale stramba frase ci è venuta? Soddisfiamo immediatamente questa curiosità! ;)

Frase di Yvaine:

 Il Re sorrise, e si accinse di persona ad aprire quel blocco di cristallo, ma non lo aveva ancora toccato che la Regina, premendo una molla, lo fece andare in mille pezzi e apparve come il sole, quando, per qualche tempo, esso è rimasto avvolto in una nuvola; i suoi biondi capelli, ch'ella portava sciolti per le spalle, le cadevano in lunghi boccoli fino ai piedi; aveva il capo cinto di fiori, era vestita d'un lievissimo velo bianco, foderato di seta rosa; ella si alzò, e fece una profonda riverenza al Re che, al colmo dell'ammirazione, non poté fare a meno di esclamare: <<Ecco l'incomparabile, colei che merita la mia corona!>>. (Il Gatto con gli stivali e tante altre storie di gatti)
<<Temo che saremo costretti a rallentare il viaggio fin quando non smette>> osservò il capitano Brendig quella sera guardando fuori da una delle minuscole finestre dell'ostello. (Il Ciclo di Belgariad; Vol 1)
Sono saltato su carri che andavano molto più veloci di quello>>, disse Aldwyn.  (The Familiars)



Frase di Vale

Amhal lo salutò,imboccando a ritroso il corridoio che avevano percorso. Quando arrivò alla fine, si girò un istante, e vide San armeggiare con la serratura ed entrare. (Leggende del mondo emerso- Il destino di Adhara)
Mentre entravamo, Emmett arrivò dalla cucina, completamente a suo agio. Emmett non si spaventava di fronte a nulla. (Eclipse)
Lei anticipava i suoi pensieri, le sue domande. “ Non potresti dirmi del tuo mondo? Ti ho mostrato tante facce della mia vita…”.Un rapporto asimmetrico,dove solo uno dei due si svelava.“Posso dirti della mia comunità,non di me. Io scompaio,dietro ai nostri scopi” (Il coraggio del Samurai)


E qui si conclude anche la seconda puntata della rubrica! Se volete partecipare anche voi lasciateci la vostra frase in un commento su uno dei due blog :)
Al prossimo sabato per nuove frasi pazze ^^


Vale e Yvaine

3 commenti:

  1. Ciao! Sul mio blog ti aspetto un (altro) giochino! :D
    http://mycrazylife-starlight.blogspot.it/2012/05/11x11x11-meme.html

    RispondiElimina
  2. c'è un premio per te qui:
    http://locandalibri.blogspot.it/2012/05/altri-premi.html

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...