mercoledì 9 gennaio 2013

In My MailBox # 21



Ciao Folletti, benvenuti qui al Pozzo dei Sussurri per riprendere finalmente le consuete rubriche del blog!
Oggi vi parlo di un libro che ho ricevuto per Natale dai miei genitori, cosa alquanto strana tra l'altro!
Ma prima di scoprire di che cosa si tratta, ricordiamo le semplici regole della rubrica In My MailBox!

In My MailBox è un appuntamento settimanale di origini americane, che però io e la mia sorellina Mirial del blog Sogni di una notte di Luna piena abbiamo pensato di dare un'impronta un po' più personale. La novità consiste nello scrivervi, sì quale libro abbiamo comprato negli ultimi sette giorni, ma vi riportiamo anche la prima pagina per permettervi di capire meglio se può fare al caso vostro o meno. ; )

Ecco la sorpresa inaspettata, ma molto gradita, che mi aspettava sotto l'albero!


 
Titolo: Cronache del Ghiaccio e del Fuoco. 
Il Trono di Spade.
Autore: George R.R. Martin
Pagine: 827
Editore: Mondadori.
Prezzo: 22.00 €
Serie: Cronache del Ghiaccio e del Fuoco 
(W la semplificazioneee! xD)
 
Trama
 
La sala del museo è più buia dell'inferno, quando il filo di un antico arazzo si accende di un bagliore dorato. E suona come la corda di un'arpa. L'urlo di Max fa tremare l'oscurità. Non sa che la sua tranquilla vita di ragazzino sarà sconvolta per sempre. E ignora che, fra pieghe di tenebra, un occhio bianco lo sta osservando... I test per entrare all'Accademia di Rowan, scuola per giovani dotati di poteri magici, sembrano impossibili da superare. Non per Max. Animali parlanti, cuochi orchi e insegnamenti telepatici movimentano giornate scolastiche quasi normali, ma... il male è una creatura impaziente. È quell'occhio morto che non lascia scampo. S'infiltra nei sogni, si nutre della paura. Non saranno il genio del suo compagno di stanza e nemmeno la rete sfuggente di Agenti e Mistici ad assicurare al ragazzo la sopravvivenza... Ma un potere più ingannevole. Più feroce. Nascosto dentro di lui.
Estratto
 
Prologo
 
Le tenebre stavano avanzando.
    <<Meglio rientrare.>> Gared osservò i boschi attorno a loro farsi più oscuri. <<I bruti sono morti.>>
    <<Da quando hai paura dei morti?>> C'era l'accenno di un sorriso sui lineamenti di ser Waymar Royce.
    Gared non raccolse. Era un uomo in età, oltre i cinquanta, e di nobili ne aveva visti andare e venire molti. <<Ciò che è morto resta morto>> disse <<e noi non dovremmo averci niente a che fare.>>
    <<Che prova abbiamo che sono davvero morti?>> chiese Royce a bassa voce.
    <<Will li ha visti. Come prova, a me basta.>>
    Will sapeva che prima o dopo l'avrebbero trascinato nella discussione. Aveva sperato che accadesse dopo, piuttosto che prima. <<Mia madre diceva che i morti non parlano>> s'intromise.
    <<Davvero, Will?>> rispose Royce. <<E' la stessa cosa che mi diceva la mia balia. Mai credere a quello che si sente vicino alle tette di una donna. C'è sempre da imparare, perfino dai morti.>>
    La foresta piena d'ombre rimandò echi della voce di ser Waymar. Troppi echi, troppo forti e definiti.
    <<Ci aspetta una lunga cavalcata>> insisté Gared. <<Otto giorni, forse nove. E sta calando la notte.>>
    <<Cala ogni giorno, quasi sempre a quest'ora.>> Ser Waymar alzò uno sguardo privo d'interesse al cielo che imbruniva. <<Qualche problema con il buio, Gared?>>
    Will vide le labbra di Gared stringersi e la rabbia repressa a stento invadere i suoi occhi, visibili sotto lo spesso cappuccio nero del mantello. Gared aveva passato quarant'anni nei Guardiani della notte, la maggior parte della sua vita di ragazzo, tutta la sua vita da uomo, e non era abituato a essere preso con leggerezza.

Non c'è che dire, questa versione mi piace da morire! *__*
E' vero, il libro ce l'avevo già, ma come dice Mirial.. puoi permetterti qualche pazzia se si tratta del tuo libro preferito.. E poi sullo scaffale sta benissimo!!
E voi, avete fatto acquisti di recente? ^^
Yvaine

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...