lunedì 7 ottobre 2013

Speciale Intervista col Libraio #1!


Buona giornata a voi Folletti, che oggi vi trovate qui!!!
E' un grande giorno qui al Pozzo, perché finalmente vi presento lo speciale che aleggia nell'aria da un po' e che tortura la mia mente in ogni istante.
Non potete immaginare da quanto tempo volessi condividere con voi questa piccola iniziativa che mi è venuta in mente ormai più di due mesi fa. Sono davvero molto contenta *-*
Ma così facendo mi perderò in urletti idioti di eccitazione, perciò... saltiamo questa parte penosa e proseguiamo col post!

Allora, Intervista col Libraio, che riprende il famoso titolo di Anne Rice, nasce in una notte insonne. 'In cosa consiste?', vi starete chiedendo. Be', ve lo dico subito: si tratta appunto di intervistare alcuni dei librai della mia zona per curiosità, per sentire un diverso punto di vista, per capire che tipo di lettori abitano da queste parti, perché tutti intervistano blogger e autori, ma mai nessuno ha pensato di chiedere a un libraio! Personalmente l'idea mi è piaciuta fin da subito e ringrazio immensamente i librai, perché senza di loro questo piccolo progetto non avrebbe avuto vita.
Quindi grazie per aver accolto di buon grado il mio entusiasmo e per avermi concesso così gentilmente un po' del vostro tempo ^^
Lo speciale comprenderà tre puntate, pubblicate lunedì 7 ottobre, cioè oggi, lunedì 14 ottobre e l'ultima il 21. Mi spiace solo che non mi siano pervenutein tempo tutte le interviste!

Ed ecco la parte che ho atteso con trepidazione! Non vi faccio aspettare oltre e... procediamo con le domande!



Ciao Eloisa! ^^
Innanzi tutto grazie per aver accettato di aderire a questa piccola iniziativa e per aver concesso un po’ del tuo tempo a me e ai Folletti del Pozzo dei Sussurri!
Cominciamo con una domanda semplicissima: raccontaci qualcosa di te, ti va?

Ciao a tutti, come intuite, mi chiamo Eloisa e ho 39 anni. Ho aperto la Libreria insieme a mia sorella e mio fratello nel 2002, ma la mia mamma aveva già una cartolibreria in precedenza dalle cui ceneri è nata la nostra esperienza, quindi direi che sono nell’ambiente dall’età di 11 anni.
Praticamente una vita, bella, divertente ma sacrificante, niente tempo libero, il commercio assorbe ogni tua energia e ogni tuo pensiero. Fortunatamente il lavoro è interessante, vario e conosci un sacco di belle persone.


Come ti sei ritrovata a lavorare dietro il bancone di una libreria? Quando pensavi al tuo futuro ti saresti mai immaginata così, un giorno?

Penso di aver risposto già in precedenza a questa domanda, però no, non pensavo di fare questa vita stressante da commerciante da ragazza, poiché vedevo i sacrifici di mia madre e mio fratello e non volevo fare “la stessa fine”. Ma ahimè le cose non sempre vanno come vogliamo e per varie vicissitudini sono finita nella cartoleria di mia madre. Fortunatamente con l’aiuto di mia sorella siamo riuscite a convincere il resto della famiglia a farla diventare una libreria.


Noi italiani purtroppo non siamo un popolo di grandi lettori. E la nostra città cosa può dire di sé? Tra i tuoi clienti annoveri più adulti, bambini o ragazzi?

La clientela è vasta e da quando ho aperto ho visto passare alla cassa tutte le tipologie di persone. Una volta entrare in libreria sembrava una cosa da addetti ai lavori, roba per pochi eletti. Ora in libreria entra la massaia che vuol variegare il suo menù base, il giovane calciatore che vuol scoprire i segreti del Messi di turno, il vecchietto che vuole imparare ad accendere il computer e ovviamente il lettore tutto d’un pezzo, quello che guarda i libri dei vampiri con sguardo di circostanza e ti dice che il mondo non è più lo stesso e di questo passo dove si finirà…
Detto ciò entrano ancora più adulti che bambini, spesso i bambini non entrano perché sono i grandi che non li portano ma se una volta entrati riesci a catturarli non  se ne vogliono più andare.


Per quel che hai potuto riscontrare le vendite sono aumentate con avvento degli e-book?

No, al contrario stanno diminuendo, ovviamente con la contrazione economica che sta vivendo il paese, molti forti lettori si stanno convertendo al digitale poiché i libri costano meno, le case sono sempre più piccole e lo spazio non si può occupare con migliaia di libri come una volta.
Questo crea non pochi problemi ai librai poiché il margine di guadagno è davvero molto basso e bisognerebbe lavorare su quantità enormi che a questo punto non ci sono più .


A questo punto mi sorge spontanea la fatidica domanda che è sulla bocca di tutti! Preferisci i cartacei o le versioni digitali?
Ho fatto veramente fatica a leggere su digitale il primo libro ma devo essere sincera: in vacanza l’ho apprezzato immensamente perché è leggero e comodo. Ciò detto appena arrivata a casa non l’ho più guardato e sono tornata alla mia bella carta…
  

Qual è il genere di cui ultimamente hai venduto più titoli?

Il fantasy e l’erotico. Il cliente ultimamente hanno bisogno di evasione totale.


Arriva il corriere con i nuovi libri da sistemare sugli scaffali. Ne leggi alcuni per consigliare meglio i tuoi clienti o perlopiù ti documenti?

Dipende cosa arriva. Se arrivano i fantasy e gli erotici lascio perdere e mi informo con le varie critiche e suggerimenti di addetti ai lavori, ma anche clienti stessi che a volte sanno ancor prima che escano i loro titoli preferiti .
Per i fantasy non ho pazienza, son troppe saghe e mi sfiniscono; sugli erotici di ultima generazione sospendo il giudizio.


Adesso, da buona libraia, consigliaci un libro! Qual è il tuo preferito? E… be’, perché no? Sconsigliaci anche un libro che hai odiato!

Su quello che ho odiato mi viene più facile perché mi riferisco a quello che ho anticipato prima… le Cinquanta Sfumature le ho trovate orrende…
Non per il lato sado di cui mi interessa poco, ma per la storia in sé che ho trovato riprovevole: la ragazza vergine che trova il principe grigio e lo fa diventare azzurro, ahhhahh orrendo (scusate).
Per quelli belli non ne ho uno in assoluto. Da Pinocchio che lessi da bimba a Calvino più grandicella, fino alla Austen per i periodi romantici, il Candido di Voltaire, i romanzi sulla Resistenza, gli americani Fante, Roth. Non leggo i libri horror, ma dovrei perché parlano bene anche di King ma non riuscirei a dormire di notte senza sognarli (sono molto suggestionabile).
Mi piacciono molto i gialli in cui  non vedi scene di sangue come ad esempio Camilleri, Carofiglio, Malvaldi, dove trovi l’ironia e il cinismo del commissario di turno.


La tua citazione preferita che riguarda i libri?

Al momento non mi sovviene nulla, ma ho un’immagine in libreria, una foto che mi hanno regalato che ritrae una biblioteca distrutta dopo un bombardamento e alcune persone che in rispettoso ordine tra le macerie scelgono il  titolo da leggere. Perché anche nel buio più profondo della guerra leggere dà speranza, leggere per vivere e, in quel caso, sopravvivere.  


Ho letto e ascoltato le esperienze di chi ha lavorato in libreria e ha avuto a che fare con le assurde richieste di alcuni clienti. Qual è la richiesta più stramba che ti abbiano fatto? Oltre la mia, s’intende!

Su questo punto avrei bisogno di scrivere un libro. Sono talmente tante le richieste assurde che per fortuna poi le dimentico; di solito comunque il sorriso te lo strappano quando storpiano il nome di un autore o di un titolo.
Ti innervosiscono quando ti dicono: “la copertina era rosa, il libro era in quel ripiano lì, era in vetrina due settimane fa”, come se la libreria rimanesse ferma e immobile.


Cosa ne pensi degli scrittori emergenti italiani? Hai qualche consiglio da rivolgere agli aspiranti scrittori che si nascondono tra i miei lettori?

Penso che anche i giovani scrittori siano riusciti ad imporsi grazie a giovani lettori che danno una vitalità diversa all’editoria e alla libreria. Il genere young adult è molto recente anche se già con Ammanniti 15 anni fa si intuiva che alcuni tipi di libro fossero indirizzati ad un pubblico più giovane dell’ adulto. Adesso tutto ha preso una piega più commerciale con semi fantasy in saghe eterne che inchiodano il lettore.
Consigli a giovani scrittori? Leggete, leggete, leggete e quando vi viene un’idea segnatela e leggete altro, continuate a leggere. Da piccola coltivavo anche io velleità di scrittura, ma poi col tempo si sono ridimensionate. Ovvio che non tutti sono come me e qualche ragazzo può riuscire nell’impresa, ma è davvero difficile e poco remunerativo, quindi studiate un piano alternativo!
A scuola non criticate gli insegnanti: hanno visto di tutto e sapranno aiutarvi…  non siate presuntuosi, accettate le critiche come costruttive e non distruttive.


Abbiamo quasi finito, solo un’ultima domanda. Quali sono i tre requisiti per essere un buon libraio?
Buona memoria, cortesia e disponibilità ad ascoltare.



Ciao Eloisa! Grazie mille per la disponibilità e gentilezza con cui hai accettato di tenere compagnia a me e ai miei lettori!
Un caloroso abbraccio e buona giornata!

E a voi, Folletti, dico...




A lunedì 14 ottobre
 per la prossima intervista! 

Yvaine

6 commenti:

  1. Ma che bellissimaa idea!! Mi è piaciuta moltissimo questa intervista, l'ho letta con grande interesse. Purtroppo immaginavo l'effetto negativo che gli ebook hanno avuto sul libro cartaceo (considerando oltretutto la facilità di reperirli piratati online) e capisco anche che per un libraio debba essere una noia mortale aprire scatoloni e scatoloni contenenti in gran parte saghe YA e libri erotici... però d'altra parte quelli vengono richiesti ed è giusto che un libraio li offra (anche perché se non si attaccassero a queste mode non so proprio come potrebbero sopravvivere, ormai ci sono sempre meno lettori e le grandi librerie fanno una concorrenza spietata... io per prima, anche se ultimamente acquisto pochi libri perché usufruisco quasi interamente del sistema bibliotecario, quei pochi che compro li prendo nelle grosse librerie). Sono curiosa di leggere le prossime interviste.

    RispondiElimina
  2. Ciao Simo! Sono davvero contenta che l'iniziativa ti sia piaciuta :)
    Hai proprio ragione, non dev'essere semplice leggere o informarsi su tutti quei libri... Però, se ci sono più persone a gestire la libreria ci si può dividere il carico! ;)

    Allora ti aspetto lunedì prossimo, grazie ancora per essere passata! ^^

    RispondiElimina
  3. Ciao Yvaine!
    Sono riuscito a passare solo ora per via di una febbre che ho da due giorni e che praticamente mi ha mandato in letargo come fossi un ghiro :P
    Ho letto con molto interesse la tua intervista, ti faccio i miei complimenti perché sei riuscita a trovare domande originali, e il risultato è ottimo!
    Aspetto la prossima uscita :P
    Un abbraccio, a presto :)

    RispondiElimina
  4. Ciao Enrico, grazie di essere passato, nonostante la febbre!
    Ne so qualcosa dei letarghi xD
    Comunque, mi fa piacere che l'intervista sia piaciuta anche a te, che il mio entusiasmo sia arrivato fino a voi ^^

    Ricambio l'abbraccio, a presto! ^^

    RispondiElimina
  5. Ciao! Questa intervista mi è piaciuta molto... è stato interessante, per una volta, vedere il mondo della lettura dal punto di vista dei librai!
    Da appassionata di fantasy mi dispiace che Eloisa non apprezzi il genere, ma il mondo della lettura è vario e ognuno ha il suo angolo preferito.
    Sarebbe interessante fare una raccolta delle richieste più assurde fatte ai librai, tipo gaffe con i titoli e cose del genere. Ogni volta che ne leggo qualcuna mi fa troppo ridere. Per quanto riguarda le Cinquanta sfumature... ormai ne ho sentite di tutti i colori (e no, non è un gioco di parole) ma ammetto di essere curiosa di leggerlo a questo punto. Ma non spenderò soldi per farlo. Se trovo qualcuno che me lo presti gli darò un'occhiata ;)
    Complimenti ancora e seguirò i sicuramente i prossimi appuntamenti^^

    RispondiElimina
  6. Ciao Alaisse! ^^
    Eh sì, anche a me dispiace che a Eloisa non piacciano, ma del resto non posso nemmeno darle torto! Ci sono troppe, troppe saghe e molte sono anche lunghissime. Già per un lettore può essere difficile seguirle tutte, pensa un libraio che deve documentarsi per saper consigliare meglio il cliente =S
    Sì, io muoio dal ridere xD C'è una pagina su fb che si chiama Roba da Librai.. ci perdo le ore xD

    Comunque grazie per essere passata e per i complimenti ^w^
    A presto!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...