venerdì 3 giugno 2016

Il triangolo no, non l'avevo considerato! La breve storia triste della Friendzone

Buongiorno amici del Pozzo dei Sussurri!
Oggi, come potete intuire dal titolo, si parla di triangoli amorosi.
NB.: in questo post, per forza di cose, generalizzerò. Parlerò secondo la mia esperienza da lettrice, ben consapevole che ci sono sicuramente delle realtà che non conosco. Non sono scesa nei particolari a citare libri perché avrei rischiato di fare spoiler.



Ci sto riflettendo da un po', evidentemente non ho niente di meglio da fare, e sono giunta alla mia personale conclusione.
Ammetto di aver incontrato pochi libri che abbiano questa struttura, ma sulla base di quelli che ho letto posso affermare che come escamotage letterario non mi piace.
Partiamo proprio dalla mia esperienza.
Leggendo due trilogie ho notato che, nel primo libro di entrambe, avevo gli occhi a cuoricino per quello che chiaramente sarebbe stato l'Eletto. Nel secondo libro, però, passata la fase ormonale, mi sono ritrovata ad essere affascinata dal povero Scartato. 
Perché?
La risposta può essere data da più punti di vista:


  1. La protagonista di solito, se il triangolo non ha solide basi, si innamora dell'Eletto per un colpo di fulmine, per qualcosa di simile o... "perché è bono da morì!" [cit. Robin Hood. Un uomo in calzamaglia]
  2. La protagonista e lo Scartato si conoscono già da prima, magari sono anche amici e c'è una base un po' più solida per far nascere una relazione.
  3. Lo Scartato è un badboy e noi lettrici sempre a volte subiamo il fascino di questi ragazzacci. 
  4. Infine perché la friendzone fa paura a tutti e non possiamo non piangere la caduta di un nobile e valoroso Scartato.
L'amore tra la protagonista e l'Eletto, spesso, è quasi totalmente infondato. In un primo momento, presa dalla foga e dal delirio dei sensi, lo condividi e credi di amare alla follia quel personaggio, ma passata la tempesta ormonale, ti chiedi: "Ma perché? Chi sei tu? Che vuoi?"
Ora, con questo non voglio dire che si debba sempre dare una spiegazione a tutto, soprattutto ai sentimenti, visto che la razionalità in questo campo è fuorigioco. Però ho la sensazione che gli Scartati siano caratterizzati meglio degli Eletti, che abbiano uno spessore psicologico, una personalità che i rivali non dimostrano. Forse perché gli Eletti hanno la vittoria già in tasca e non hanno da temere la friendzone, mentre gli Scartati lottano fino all'ultimo per usurpare il Trono di Spade dell'Ammore?  

Riapriamo vecchie ferite!
Sempre basandomi sulle mie letture, trovo che il rapporto con lo Scartato venga alla luce più di quello con l'Eletto, che sia più maturo e meno fiabesco. Insomma, sa meno di cotta adolescenziale.
D'altra parte capisco che l'idea del triangolo amoroso è per portare avanti la trama, per creare un ostacolo, ma riguardo a questo aspetto penso che si possano trovare altri modi per rendere la vita difficile a due innamorati, e comunque sia la vita di coppia ha già i suoi problemi senza che ci si infili il terzo incomodo. Anche perché nel caso in cui la protagonista arrivasse a cedere alle attenzioni del Futuro Scartato (solitamente parte riservata al secondo libro), vuol dire che l'amore che nutre per l'Eletto non è così forte, no? 
Mi rendo conto anche che, probabilmente, non riuscirei a rimproverare l'autrice per la scelta dell'Eletto: certi libri si capiscono già dal primo sguardo e sai che sono stati scritti per finire in quella maniera; se pensassi di cambiare il finale è come se snaturassi qualcosa. Eppure sono convinta che i finali alternativi abbiano da dire molto di più. Chissà, magari dopo la fine del libro la protagonista, passata la fase della pubertà e riacquisito il controllo della propria mente, finirebbe per scaricare l'Eletto u.u
Forse i triangoli amorosi funzionano tanto perché ci fa sentire un po' contese da due baldi giovani, alimentano la nostra parte più civettuola? Mah, non sono ancora convinta.
La cosa veramente odiosa in tutto questo è anche l'atteggiamento che la protagonista può avere nei confronti della questione, ma questa è un'altra storia.

Voi che ne pensate? Fate parte del Team Eletto o del Team Scartato?

Yvaine

14 commenti:

  1. Sempre (involontariamente) Team Scartato XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io involontariamente! Batti il cinque! =P

      Elimina
  2. Io di solito finisco sempre per essere Team Scartato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava! Con te siamo già tre membri del Team Scartato! :3
      Se loro li scartano ce li prendiamo noi *^*

      Elimina
  3. Io sono il tuo contrario :') l'amore che provo per gli "Eletti" arriva fino alla fine di tutte le serie, forse perché li trovo sempre più dolci... Lo scartato nel mio caso cade sempre in odio perché si infila tra le mie ship... È così con tutti, o quasi. L'unica serie ad aver fatto eccezione sono le Origini di Shadowhunters in cui amo entrambi allo stesso modo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ilaria, ti capisco! Anche a me succedeva, li trovavo così dolci che non riuscivo a resistere, però poi, involontariamente, ho finito per ritenerli un po'... senza spina dorsale, diciamo così.
      E anche io prima fumavo come una locomotiva quando lo Scartato si metteva in mezzo XD Però poi non so che è successo e mi sono ritrovata dall'altra parte della barricata =P
      Le Origini non le ho lette, ma ricordo che in Shadowhunters mi erano piaciuti sia Simon che Jace, solo che lì mi sono attenuta a preferire l'Eletto, anche se lo Scartato aveva il suo perché ;)

      Elimina
  4. Come ti dicevo, io sono di solito Team Eletto... anni fa ero un caso patologico: odiavo chiunque si mettesse in mezzo alla mia otp. X°D Ora sono diventata più magnanima, ma rimango un po' diffidente verso il terzo incomodo, alias lo Scartato. u.u
    C'è stato un caso in cui lo Scartato si è guadagnato le mie simpatie, non tanto da guadagnarsi il mio tifo, ma abbastanza da desiderare che trovasse la felicità altrove, perché non lo volevo solo soletto. XD Anche perché di solito non c'è trippa per gatti, è inutile che si intestardiscano, l'Eletto l'avrà vinta. E quindi preferisco la nascita di ship parallele, così sono tutti felici.
    Anche se sono d'accordo con te: è un escamotage che non amo. Anzi, diciamo che lo detesto proprio. Anche se ci sono le eccezioni, perché un bravo autore riesce a farmi apprezzare anche il triangolo quando scritto bene. :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io preferisco quando c'è speranza per gli Scartati che possano comunque essere felici!
      Diciamo che non si tratta tanto di volere che lo Scartato stia con la protagonista, alla fine ammetto di sentire io stessa che c'è come qualcosa di "innaturale", visto che spesso e volentieri si sa dalla prima pagina come finirà la storia. Però come personaggio lo Scartato mi piace di più, non ci posso fare niente.
      Nel caso in cui venga fornita una ship parallela, però, la Prescelta per lo Scartato non mi soddisfa. Lo so sono incontentabile xD
      L'altra cosa che non mi convince di questa seconda possibile scelta è che è troppo banale. Come nei romanzi fantasy quando o partono in 2 o partono in 4, perché altrimenti il terzo non ha l'happy ending :/
      Insomma, ci sono rischi ovunque u.u

      Grazie per essere passata <3

      Elimina
    2. Ah, beh, non deve essere una scelta banale. Altrimenti siamo punto e a capo!
      Ad esempio, in una serie che seguo sono Team Eletto (ma che novità) e amo lo Scartato (davvero, lo amo, mi fa una pena poveraccio). E so che lo Scartato ha una sua serie successiva e quindi ha possibilità di trovare la felicità con un'altra. :3 Della serie, soffrirai ma poi ne sarai felice. :D
      La verità è che un buon scrittore riesce a fare contenti tutti ( o a rendere tutti infelici, dipende dall'intento. LOL) ma con originalità e abilità. Se manca quello, chiaramente ci farà tutto schifo. X°D
      <3

      Elimina
    3. Completamente d'accordo!
      Adesso vedi che il prossimo libro che leggerò,come minimo, sarò Team Eletto, quanto ci scommetti? XD
      Io ti voglio parlare di un libro che ha una situazione complicata, ma prima devi leggerlo, altrimenti te lo rovino D:

      Elimina
  5. Buondì Yvaine, ti ho taggata qui http://ilregnodeilibri.blogspot.it/2016/06/book-tag-02-la-vita-segreta-di-una.html :)

    RispondiElimina
  6. prima di tutto complimenti per l'analisi u_u sono d'accordo più o meno con tutto, e in particolare sottoscrivo che il rapporto tra l'eroina e lo Scartato sia generalmente più "comprensibile" agli occhi del lettore. Credo dipenda dal fatto che chi scrive dia la ship con l'Eletto per assodata (l'attrazione animale e istintiva mica va spiegata) ma ha bisogno di creare il problema (che ci piaccia o no, le storie si muovono necessariamente per problemi e soluzioni dei problemi). Da qui la necessità di cerare una potente affinità elettiva tra eroina e Scartato. Quindi lo Scartato e l'Eroina finiranno per essere spesso una coppia meglio assortita, più armoniosa, più complice e meno conflittuale. Detto questo, giusto perché tu lo sappia, odio i triangoli e chi ne scrive ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bianca, quale onore! :3
      Ecco, hai colto il punto. Anche nella vita reale spesso è difficile spiegare perché ci piace qualcuno ed è comunque una cosa che si può capire solo vivendola, alla fine. Quindi è comprensibile che sembri mancare qualcosa alla narrazione, e ammetto che non si può spiegare razionalmente qualcosa che razionale non è per definizione.
      E sì, le storie si basano sui problemi e la soluzione di essi, ma... non si può proprio trovare nient'altro? :/

      Sono contenta che comunque l'articolo ti sia piaciuto! Ripassa quando vuoi :)

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...